Studio Legale Giovanni Greco
Home Page  |  Newsletter  |  Pratica Forense mercoledì 19 dicembre 2018
   Lo Studio Legale
   Contatti
   Attività
  
   Domiciliazioni
   Consulenza
  
   Ordinamento Forense
   Cassa e fiscalità
   Rivista
  
  Visualizza Tutti | Dettaglio Rivista
 Riferimento: Amministrativo
Data di pubblicazione: 07/09/2012
TAR Puglia-Lecce, Sez. II, 06/09/2012 n. 1471 - Intervento in giudizio
 
 L’intervento nel processo amministrativo, per costante giurisprudenza, è ammissibile solo se finalizzato alla difesa di un interesse derivato o dipendente da quello della parte principale. (ex multis, Consiglio Stato, sez. V, 08 marzo 2011, n. 1445). Non è pertanto ammissibile né l’intervento principale (ad infringendum iura utriusque competitoris) per far valere una pretesa autonoma, né l’intervento adesivo autonomo (o litisconsortile) per esercitare un’azione autonoma su posizioni uguale e parallela a quella di una delle parti del processo.
L’unica forma di intervento ammissibile nel processo amministrativo è quella dell’intervento adesivo dipendente, sia nella forma dell’intervento ad adiuvandum, che nella forma dell’intervento ad opponendum.
Sebbene l’art. 28, 2° comma, del c.p.a. sembra prefigurare un superamento dell’orientamento giurisprudenziale sopra richiamato, riconoscendo la legittimazione all’intervento volontario a “chiunque non sia parte del giudizio e non sia decaduto dall’esercizio delle relative azioni, ma vi abbia interesse”, con la sola limitazione dell’accettazione da parte dell’interveniente dello stato e del grado in cui il giudizio si trova, tale norma va interpretata nel senso che detta legittimazione spetta anche a chi è titolare di una posizione giuridica autonoma e non meramente dipendente rispetto a quella azionata dalla parte ricorrente, ma non anche a chi intenda far valere un autonomo interesse all’annullamento, contrastante sia con quello della ricorrente principale che con quello del controinteressato. In tal caso, infatti, l’atto di intervento è di tipo principale (ad infringendum iura utriusque competitoris) e, quindi, sicuramente non ammissibile nel processo amministrativo.
 
Lo Studio Legale | Contatti | Attività | Domiciliazioni | Consulenza | Ordinamento Forense | Cassa e fiscalità | Rivista
P.zza Mazzini, 56 - 73100 Lecce (LE) - Tel. +39 0832 249881 +39 0832 241999 - segreteria@studiolegalegiovannigreco.it