Studio Legale Giovanni Greco
Home Page  |  Newsletter  |  Pratica Forense mercoledì 19 dicembre 2018
   Lo Studio Legale
   Contatti
   Attività
  
   Domiciliazioni
   Consulenza
  
   Ordinamento Forense
   Cassa e fiscalità
   Rivista
  
  Visualizza Tutti | Dettaglio Rivista
 Riferimento: Amministrativo
Data di pubblicazione: 10/12/2012
TAR Lecce Sez. III, 29/11/2012 n. 1949 – sanatoria dell’ampliamento consentito dal Piano Casa
L’Amministrazione comunale motiva il rigetto sostenendo che, secondo la normativa regionale invocata, sono computabili solo i volumi legittimi, anche se a seguito di condono, atteso che la finalità e gli ambiti di applicazione della citata legge si riferiscono a interventi da realizzare, non già a quelli realizzati e abusivi, come nel caso di specie.
L’inquadramento giuridico proposto per la fattispecie oggetto di esame è fuorviante.
Invero, dal combinato disposto dell’art. 3, comma 1, lett. a) della l.r. 14/2009 e dell’art. 36 del d.P.R. n 380/2001, applicabile al caso in esame, emerge chiaramente che:
1. la disciplina regionale sul c.d. “Piano casa” consente un ampliamento degli edifici residenziali esistenti nei limiti del 20% della volumetria complessiva e, comunque, non oltre i mc. 200 (art. 3), anche in deroga alle previsioni quantitative della strumentazione urbanistica locale (art. 1, comma 2);
2. i “volumi legittimamente realizzati” costituiscono solo la base del calcolo del volume complessivo del fabbricato preesistente (che, dunque, può essere anche solo parzialmente abusivo e, per tale parte, non computabile) su cui commisurare l’ampliamento consentito del 20%, per il quale, nel caso specifico, è, appunto, chiesta la sanatoria;
3. tale disciplina si applica a tutti gli interventi eseguiti sotto la sua vigenza, con esclusione solo di quelli precedentemente realizzati;
4. l’Amministrazione comunale non è in grado di contestare, con certezza, la data dell’abuso dedotta dalla ricorrente, si dà farlo risalire a epoca antecedente all’entrata in vigore della normativa premiale;
5. in virtù del citato art. 36, T.U. edilizia - che richiede, per la sanatoria, la doppia conformità alla disciplina sostanziale di riferimento -, l’abuso in oggetto, meramente formale, risulta sanabile in quanto conforme alla disciplina edilizia vigente sia al momento della sua esecuzione che al momento della presentazione dell’istanza. Trova, infatti, applicazione, in entrambi i momenti storici, la legge regionale che consente un ampliamento pari al 20% del volume legittimo preesistente, nei cui limiti si pone, secondo assunto non contestato, l’intervento aggiuntivo “de quo” (mc. 181,21, inferiore a mc. 200, a fronte di una volumetria complessiva esistente pari a mc. 2437,82).
Lo Studio Legale | Contatti | Attività | Domiciliazioni | Consulenza | Ordinamento Forense | Cassa e fiscalità | Rivista
P.zza Mazzini, 56 - 73100 Lecce (LE) - Tel. +39 0832 249881 +39 0832 241999 - segreteria@studiolegalegiovannigreco.it