Studio Legale Giovanni Greco
Home Page  |  Newsletter  |  Pratica Forense mercoledì 19 dicembre 2018
   Lo Studio Legale
   Contatti
   Attività
  
   Domiciliazioni
   Consulenza
  
   Ordinamento Forense
   Cassa e fiscalità
   Rivista
  
  Visualizza Tutti | Dettaglio Rivista
 Riferimento: Amministrativo
Data di pubblicazione: 12/03/2014
TAR Puglia- Lecce, Sezione I, 11/03/2014, n. 727 Ottemperanza– esecuzione pagamento denaro - mora
Ottemperanza– esecuzione per il pagamento di una somma di denaro – penalità di mora ex art. 114 cpa non applicabile. - Il comma quarto dell'art. 114 C.P.A. ha introdotto, in via generale, nell'ambito del processo amministrativo, l'istituto della cosiddetta penalità di mora già regolato per il processo civile, con riguardo alle sentenze aventi per oggetto obblighi di fare infungibile o di non fare, dall'art. 614bis del codice di procedura civile, aggiunto dall'art. 49 della legge 18 giugno 2009, n. 69. Si tratta (Cons. Stato, V, 20 dicembre 2011, n. 6688) di una misura coercitiva indiretta a carattere pecuniario, modellata sulla falsariga dell'istituto francese dell'astreinte, che mira a vincere la resistenza del debitore, inducendolo ad adempiere all'obbligazione sancita a suo carico dall'ordine del giudice. Detta misura assolve a una finalità sanzionatoria e non risarcitoria in quanto non mira a riparare il pregiudizio cagionato dall'esecuzione della sentenza ma vuole sanzionare la disobbedienza alla statuizione giudiziaria e stimolare il debitore all'adempimento. La Sezione condivide l’orientamento giurisprudenziale prevalente, secondo il quale "l'istituto della cd. penalità di mora introdotto in via generale dall'art. 114, comma 4, lettera e) c.p.a. non può trovare applicazione, per ragioni letterali e sistematiche, quando l'esecuzione del giudicato consista nel pagamento di una somma di denaro, laddove l'obbligo oggetto di domanda giudiziale di adempimento è esso stesso di natura pecuniaria, ed è già assistito, per il caso di ritardo nel suo adempimento, dall'obbligo accessorio degli interessi legali, cui la somma dovuta a titolo di astreinte andrebbe ulteriormente ad aggiungersi" (T.A.R. Campania, Napoli, sez. IV, 15 aprile 2011, n. 2162, e T.A.R. Lazio, Roma, sez. I, 29 dicembre 2011, n. 10305).
Lo Studio Legale | Contatti | Attività | Domiciliazioni | Consulenza | Ordinamento Forense | Cassa e fiscalità | Rivista
P.zza Mazzini, 56 - 73100 Lecce (LE) - Tel. +39 0832 249881 +39 0832 241999 - segreteria@studiolegalegiovannigreco.it